Archivi tag: Anna Fici

Presentazione a Trapani degli ultimi due libri di G. Leone

Venerdì 28 maggio mi è capitato di presentare i due volumi di Giuseppe Leone: “Storia di un’amicizia” e “L’isola del pensiero”, ospite della bella manifestazione TrapaniInPhoto (25 maggio – 12 giugno). In particolare, il primo dei due volumi è stato rieditato, con l’aggiunte di alcune foto all’interno e proposto anche in versione cofanetto, con l’aggiunta  di una stampa originale, baritata, del Maestro. E’ stata davvero una bella esperienza! Ringrazio il curatore, Giuseppe Prode, per avere pensato a me, permettendomi di dialogare con un fotografo che ha contribuito a fare la Storia, non solo della Fotografia ma del nostro Paese. Giuseppe Leone si è dimostrato un vero uomo di cultura che, attraverso la fotografia, ha preso parte alla vita del suo tempo, curioso di tutto. Ancora oggi ha mille interessi e mille progetti.

Storia di un’amicizia

Allergica a questo?????

Mentre me ne sto a casa con una febbre allergica, asma e malesseri vari, penso… Ma tutto questo, la natura, può davvero farmi male? Può davvero essere la causa del mio nuovo male? Difficile da accettare. Comunque, sono qui… e allora gioco con le immagini della scorsa primavera, sperando di ritrovare il benessere necessario a tornare in giro, a scattare

Effetto di posizione e disposizione – Sul figlio di Totò Riina

Come ho detto ai miei studenti proprio durante l’ultima lezione di Sociologia, volendo spiegare loro la dinamica cognitiva del pensiero ideologico, l’ideologia, a differenza di un credo o di un qualsiasi sistema di valori, pretende di poter dimostrare la propria legittimità e fondatezza, attraverso ragionamenti parascientifici.

Con una metafora spaziale, se io sono nata e cresciuta al vertice di un parallelogramma di quattro lati, e non me ne sono mai allontanata, descriverò l’ambiente in cui vivo come un rombo perché da quella posizione vedrò un rombo. E pretenderò di poter dimostrare agli altri che si tratta proprio di un rombo. Se io invece nasco e cresco lungo uno dei lati del parallelelogramma che supponiamo essere un rettangolo, sosterrò che il mio ambiente di vita è rettangolare, con eguale convinzione.

Quindi il figlio di Riina, che non ha nemmeno frequentato la scuola con gli altri bambini, è forse stato indotto a guardare e giustificare il mondo, il suo mondo, a partire da quella posizione, ben radicato in quella posizione. Peccato però che siamo in un’epoca in cui i media vecchi e nuovi suppliscono ai viaggi, alle esperienze “altre”. Continua la lettura di Effetto di posizione e disposizione – Sul figlio di Totò Riina