L’ostinazione della volontà

Roberto Bolle a Sanremo

Bolle

Io me lo ricordo cos’era non sentire impedimenti tra il flusso del pensiero, il battito del cuore e il corpo.

Io me lo ricordo quando le gambe, le braccia, i piedi erano me, senza soluzione di continuità.

Io me lo ricordo cos’era l’aria in faccia mentre correvo come un vettore nel buio

Io me lo ricordo quando l’equilibrio era naturale come il respiro

E se dovessi dire cos’è invecchiare, direi che è doverlo ricordare