22 aprile 2017 – Auditorium Rai di Palermo

Ieri sabato 22 aprile VALENTINO PICONE ALL’AUDITORIUM RAI DI PALERMO
Valentino Picone ospite d’onore all’auditorium Rai di Palermo in occasione della proiezione del film Ore diciotto in punto di Giuseppe Gigliorosso. L’attore e regista ha commentato, a fine proiezione, alcune scene tagliate. Valentino Picone ha partecipato al montaggio di Ore diciotto in punto contribuendo al final cut, versione finale del film che è stata distribuita nelle sale cinematografiche italiane. In sala erano presenti alcuni componenti della troupe: Anna Fici fotografa di scena, Ugo Flandina assistente alla regia, Gaspare Catania assistente al montaggio, Cetty Lo Cascio trucco, Anna Li Muli amministratrice e Lorenzo D’acquisto scenografo.
Foto di Anna Fici

Di Lisa e di Michele e della loro famiglia

Il matrimonio tra il regista e drammaturgo Michele Perriera, ex Gruppo ’63, e Lisa Ricca, scenografa e costumista. Hanno fondato insieme a Palermo la Compagnia Teathès

Naturalmente la foto è di Nicola Scandii. Il Giornale L’Ora era stato il trait d’union.: un laboratorio importante, dal quale molti hanno tratto insegnamento. Lì Michele conobbe anche la mia mamma, Vincenza Viola, per tutti Zina, che faceva la segretaria di redazione ai tempi di Nisticò e che definiva Michele “un giovane ragazzino che portava ogni tanto dei pezzi…” Mamma mia del 1929, Michele del 1937.

Tutto ciò che comincia è inesorabilmente destinato a finire. Eppure non sembra che la fine sia stata possibile osservando nella foto la loro impacciata felicità.

Si, impacciata felicità. Non trovo di meglio per descrivere ciò che colgo, non soltanto dall’espressione dei due sposi nella foto ma dall’averli conosciuti e frequentati dopo ed avere fatto esperienza del loro impacciato amore. Michele, alle prove di un qualche spettacolo del Teathès, riemergeva di tanto in tanto dalla profondità della sua drammatica e potente immaginazione, e rivolgeva lo sguardo a Lisa impacciato,; come se avendo appena lasciato chissà quali mostri della coscienza si vergognasse ma fosse anche contento di concepire un pensiero semplice come: “le giacche di scena sono già cucite?”

Lisa è stata per Michele la scenografa e la costumista di fiducia. E la contenitrice delle paure dell’artista e dell’uomo, riuscendo a non spaventarsi di fronte a nessuna difficoltà.

Lisa ha accettato con passione e visionarietà, di vivere una vita in cui non sarebbero stati in due, o in quattro con i figli, come una famiglia normale, ma in Compagnia, sempre. E negli anni tanti si sono lasciati adottare dal carisma di lui e dalla pragmatica dolcezza di lei. E credo anche che ad un certo punto Michele se ne sia spaventato. La Comune Teathès era in fondo una Compagnia Teatrale: non si poteva tenere con sé tutti quanti e non erano tutti altrettanto bravi. Ma tutti altrettanto amati e rispettati nella libertà di andare.

C’erano delle aspettative in chi faceva i provini al Teatès. C’era un bisogno erotico di salvarsi da se stessi, dai propri genitori, dalla banalità del male vivere; c’era un bisogno erotico di cercare un senso. E di condividere. Non come si fa adesso con un like ma mettendo in gioco il sudore dell’inconscio. Accettando di mostrarsi anche sporchi e cattivi per rinascere. E no. Non era psicoterapia anche se poteva sembrarlo. Guai a confondere le cose. Anche se noi stessi ci scherzavamo sul fatto che l’accesso alla prima delle due scuole di via Libertà a Palermo fosse uno scivolo adatto alle ambulanze.

Michele portò a Palermo gli apici del teatro contemporaneo europeo, in una Sicilia che conosceva soltanto la programmazione più nazionale-popolare del circuito ETI. Portò Beckett, Brecht, Ionesco, Genet, Feydeau, successivamente Durrenmatt… Propose riscritture di Marlowe (in Morte per Vanto che si ispirava al Faust) e di Pirandello… Regie originalissime. La cantatrice calva, di Ionesco, cavallo di battaglia della compagnia, fu replicata per anni.

Poi vennero gli anni in cui si propose più intensamente anche come drammaturgo. E quindi Anticamera o Qui è quasi giorno solo per citare un paio di lavori. In questa fase la sua mente potentemente onirica e il suo teatro furono tutt’uno. La parola divenne sacra, comprimaria della corporeità che al suo teatro era sempre appartenuta. E come tutte le cose sacre, a volte, misteriosa e spaventosa. Qualcuno disse che il suo teatro s’era fatto pesante. Ma pesante è chi porta un peso. Perché Teathès non è morto per vanto ma di stenti, malgrado fasi di parziale e tardiva legittimazione pubblica. E così il teatro di Michele invecchiò, come invecchia chi soffre. Come il volto della mia mamma, che mostro con esitazione perché lei non avrebbe voluto.

Ma la mia mamma la associo a Michele perché avevano dei trascorsi amichevoli… E perché mia madre mi accompagnò il primo giorno al Teathès, facendomi carinamente sentire una deficiente. Ero l’unica che si presentasse con la mamma. Oggi ci rido e lo ricordo con tenerezza perché penso che quello che mia madre pensava fosse più o meno: “Visto che mia figlia vuole darsi al teatro, alla perdizione, meglio che lo faccia con un mio amico”.

Ciao Lisa. Ciao Michele.

Quello che scrivo oggi lo scrivo per amore e per giustizia perché d’amore e di giustizia sono da sempre assetata.

Quello verso Michele fu un amore libero. Qualcuno lo definì un guru ma non lo era. Quando alla metà degli anni Novanta interruppi la collaborazione con lui per la ricerca di un dottorato fuori, da Macerata dove lo vinsi gli scrissi una cartolina. Il contenuto era più o meno:

“Come è strano non avere più un quotidiano con voi al Teathès. E’ ancora un’esperienza così vicina… Eppure sono qui da tempo. Com’è strano non trascorrere tutti i pomeriggi e le sere come ho fatto per anni…”

Ma non era vero. Perché io frequento ogni giorno quella realtà che mi ha dato chi sono. Perché è nei laboratori di Michele che ho osservato come si osserva e si comprende il MIRACOLO DELLA COMUNITA’

P.S: la foto utilizzata in copertina è di Nostrat Panahi Nejad. E’ tratta dal set del film “Michele Perriera, frammenti di un romanzo d’amore” dello stesso Nosrat Panajhi Nejad.

Sizilianische Reise: la Sicilia a duecento anni dalla pubblicazione del Viaggio in Italia di J.W. Goethe Comitato organizzativo: Laura Auteri, Daniela Bonanno, Vincenzo Militello

Goethe in Sicilia

Sizilianische Reise: la Sicilia a duecento anni dalla pubblicazione del Viaggio in Italia di J.W. Goethe

Comitato organizzativo: Laura Auteri, Daniela Bonanno, Vincenzo Militello

Il 1816 è l’anno in cui vengono pubblicate le memorie del viaggio in Italia che J.W. Goethe aveva compiuto circa trent’anni prima e che, grazie alle fortune del libro e del suo autore, ridanno nuova linfa vitale all’ideale del Grand Tour come momento qualificante nella formazione dell’intellettuale europeo. Continua la lettura di Sizilianische Reise: la Sicilia a duecento anni dalla pubblicazione del Viaggio in Italia di J.W. Goethe Comitato organizzativo: Laura Auteri, Daniela Bonanno, Vincenzo Militello

Le luci nelle case degli altri di Chiara Gamberale

Però, però, però cara Chiara…. non pensavo che il tuo libro mi sarebbe piaciuto. Il titolo si, il titolo l’ho trovato subito attraente. La curiosità per le vite degli altri mi è sempre appartenuta! E infatti, guarda un po’ il mestiere che faccio! Però il libro lo guardavo con sospetto. Ti conoscevo già dalla radio e temevo un volume un po’ troppo organizzato dalle competenze psicologiche e dalla volontà di dimostrare, con esempi sotto forma di storie, vaghe teorie sull’identità, il senso di colpa, le relazioni familiari…  Invece no. Invece è un volume che – pur dotato di una struttura di incastri prefetti – non è un freddo strumento di indagine dell’oscuro. C’è al contrario molto affetto; e c’è la capacità di guardare alle radici di questo affetto.

LA TRAMA. Una bambina di appena sei anni – Mandorla –  rimane improvvisamente orfana di madre. Il padre è da sempre sconosciuto. La mamma, Maria, era infatti una ragazza madre. Faceva per vivere l’amministratrice di condominio. Ma in realtà, per il condominio di via Grotta Perfetta era diventata molto di più. Ogni riunione di condominio, grazie a lei, si trasformava in una festa, un momento di vicinanza e di ascolto dei problemi gli uni degli altri. Maria insomma aveva rappresentato la coesione sociale della comunità di via Grotta Perfetta; anzi, aveva proprio trasformato un condominio in una comunità.  Alla sua morte, i condomini decidono di far crescere Mandorla tutti insieme, come una grande famiglia; sia per affetto nei confronti della defunta, sia per paura: in una lettera lasciata alla bambina, che a sei anni non può coglierne pienamente il senso, la mamma Maria lascia intendere che l’amplesso grazie al quale è rimasta in cinta, è avvenuto nella terrazza coperta al sesto piano del palazzo… forse con uno degli uomini del palazzo…. Per cui, niente test del DNA e via a un’esperienza inedita e follemente assennata quale quella di far adottare formalmente la bambina dall’unica single dell’edificio, una attempata maestra di scuola, e di fatto crescerla come fosse di tutti. Di tutti e di nessuno.

La lingua del romanzo, volutamente poco o per niente letteraria, che pure all’inizio mi aveva infastidito, segue le pieghe anche caotiche e accavallate del pensiero. E’ imperfetta, incompiuta, come sono spesso i nostri discorsi interiori. E si va chiarendo e distendendo di pari passo con la maturazione di Mandorla – la ragazzina protagonista – e di chi le sta intorno, ovvero i membri di quello strano condominio-famiglia di via Grotta Perfetta 315.

E poi… Via Grotta Perfetta… ma che straordinaria invenzione…. Infondo, il libro, parla proprio di questo: della ricerca che ciascuno fa della propria grotta perfetta. E del fatto che oggi, la grotta perfetta non possa che essere un pachwork, si spera armonico,  di realtà e di appartenenze stratificate. Addio amore (singolare) della mia vita, addio casa (focolare unico) della mia esistenza, addio famiglia, (unica ed unita anche dalla coercizione sociale, economica….). Benvenuta complessità: l’ambiente dove il filo delle cose e il filo del nostro essere noi, rischia costantemente di spezzarsi ma può anche produrre uno straordinario intrigo, un groviglio d’Arte.

Come a dire che l’individuo post-moderno – ovvero tutti noi, ciò che non possiamo non essere se siamo qui, ora – può essere un fastidioso disordine o uno di quei disordini creativi che trasmettono calore e vitalità.

Oggi il  crescere richiede inevitabilmente di rapportarsi con il caos e la contraddizione. E fa di noi, inevitabilmente, dei produttori di caos e contraddizione. Ma il crescere bene, o infondo solo il non spezzarsi, restando vittime di tensioni contrastanti, richiede visionarietà. Ovvero la capacità di intuire la visione del tutto, completando con l’affetto i buchi e i contrasti, distendendo con l’amore le linee spezzate; e inglobandoci nell’esperienza di essere noi, pur nella nostra incostante vita.

Mandorla si sente spezzata nelle tante Mandorla che è per le sue famiglie (quelle dei condomini), che non riesce a cogliere come un’unica famiglia allargata. E’ alla ricerca della sua vera appartenenza. La paura ancestrale rappresentata dal personaggio di Porcomondo, violento bestemmiatore, drogato e sede di tutti timori che le sono state inculcati, rappresenta la pietra che rompe lo specchio del sé. Nel momento in cui Mandorla riesce a decidere di non voler più essere vittima della paura e del dubbio,, quei pezzetti spezzati di specchio possono diventare il suo luna park, riunito nella visionaria visione globale dell’amore.